vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Quality Matters: Systematic Analysis of Radiofrequency Electromagnetic Field Exposure

The authors analyze 20 years of publications on the effect of electromagnetic radiofrequency fields (mobile phones and wi-fi): quantifying the goodness of the experiments by 5 indices, the positive results observed show an inverse association with the quality of the experimental protocol applied.
Meta-analysis results: a) Experiments that meet the established criteria; B) experiments with Q0-Q5 quality values; C) spider net plot with % of exp.

DOI: 10.3390/ijerph13070701
DIFA Authors / DIFA Institutions: Prof. D. Remondini (DIFA)

Possible hazardous effects of radiofrequency electromagnetic fields (RF-EMF) at low exposure levels are controversially discussed due to inconsistent study findings. Therefore, the authors looked for statistical association between RF-EMF and cellular responses. Retrieving all RF-EMF in vitro studies in the PubMed database for the period 1995–2014 (104 articles, 483 different experiments analyzed) we extracted all the relevant parameters (cell culture type, frequency, exposure duration, SAR) and five exposure-related quality criteria.

These parameters were used for an association study with the experimental outcome (effect/no effect on cell proliferation and/or apoptosis). As a result, cellular responses after exposure to RF-EMF were significantly associated to cell lines rather than to primary cells.

No other experimental parameter was significantly associated with cellular responses. A highly significant negative association with exposure condition-quality and cellular responses was detected, showing that the more the quality criteria requirements were satisfied, the smaller the number of detected cellular responses. According to our knowledge, this is the first systematic analysis of specific RF-EMF bio-effects in association to exposure quality, highlighting the need for more stringent quality procedures for the exposure conditions.

La qualitá conta: analisi sistematica degli effetti della esposizione a campi elettromagnetici nel range delle radiofrequenze

Gli autori analizzano 20 anni di pubblicazioni sull’effetto dei campi elettromagnetici a radiofrequenze (telefonia mobile e wi-fi): quantificando la bontá degli esperimenti mediante 5 indici, i risultati positivi osservati mostrano una associazione inversa con la qualitá del protocollo sperimentale applicato.

Possibili effetti pericolosi dei campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) a bassi livelli di esposizione generano controversie a causa di risultati sperimentali incoerenti. Pertanto, gli autori hanno studiato la possibile associazione statistica tra RF-EMF e risposte cellulari. Ricavando tutti gli studi RF-EMF in vitro nel database PubMed per il periodo 1995-2014 (104 articoli, 483 diversi esperimenti analizzati) abbiamo estratto tutti i parametri rilevanti (tipo di coltura cellulare, frequenza, durata dell'esposizione, SAR) e definito cinque criteri di qualità legati all’esposizione. Questi parametri sono stati utilizzati per uno studio di associazione con il risultato sperimentale (effetto/nessun effetto su proliferazione cellulare e/o apoptosi, eventi associabili a morte cellulare o possibili processi neoplastici). Risultati: nessun parametro sperimentale (dose, frequenza, durata dell’esposizione) è stato associato in modo significativo alle risposte cellulari, tranne il tipo cellulare (linee o colture primarie). È stata invece rilevata un'associazione negativa altamente significativa tra le condizioni di esposizione e la risposta cellulare: all’aumentare dei requisiti dei criteri di qualità soddisfatti dall’esperimento, diminuisce il numero di risposte cellulari osservate. A nostra conoscenza, questa è la prima analisi sistematica di effetti specifici RF-EMF associati alla qualità dell'esposizione, che evidenzia la necessità di procedure più severe per le condizioni sperimentali in questo ambito.